REPLAY - La nuova disciplina dei Servizi Pubblici Locali introdotta dal Dlgs. 23 dicembre 2022, 201

  • 65.00€

Prezzi con iscrizioni:
  • 1 Discente: 65€
  • 2 Discenti: 130€
  • 3 Discenti: 195€
  • 4 Discenti: 260€
  • 5 Discenti: 325€
  • 6 Discenti: 390€
  • 7 Discenti: 455€
  • 8 Discenti: 520€
  • 9 Discenti: 585€
  • 10 Discenti: 650€
  • Docente: Dott. Roberto Camporesi e Dott. Riccardo Compagnino
  • Durata del corso: 180 min
Codice Prodotto:23004
Descrizione:

Docenti

Dott. Roberto Camporesi, Dottore Commercialista, Revisore legale, Esperto in società a partecipazione pubblica
Dott. Riccardo Compagnino, Dottore commercialista e Revisore contabile, Esperto di finanza pubblica locale
Moderatore
Dott. Nicola Tonveronachi, Dottore commercialista e Revisore legale, Consulente e Formatore Amministrazioni, Enti, Società ed Aziende pubbliche nelle materie amministrativo-contabili, tributarie e fiscali, Professore a contratto di Ragioneria pubblica presso il Dipartimento Economia e Management dell’Università degli Studi di Pisa, Pubblicista


Programma
• La delega contenuta nell’art. 8 Legge n.118/2022
i principi generali della Riforma
servizi pubblici e servizi strumentarli alla PA: il rapporto con il codice di contratto riformato;
principi
il parere dell’ANCI
il parere dell’Antitrust
• I soggetti affidatari dei servizi pubblici e l’organizzazione amministrativa e territoriale
il principio dell’ottimo tecnico e integrazione «orizzontale» e «verticale»
le misure incentivanti all’aggregazione
le autorità di regolazione locale
i comuni affidatari dei servizi pubblici locali
• Questioni aperte per il coordinamento delle discipline di settore
i servizi a rete
i servizi «non» a rete
distinzione fra servizi di regolazione e gestione: 
incompatibilità e inconferibilità
• L’affidamento dei servizi pubblici
il principio di sussidiarietà: quale elemento preliminare
l’affidamento a terzi con gara
l’affidamento a società mista e la cosiddetta gara a doppio effetto
i problemi non risolti sul modello dell’affidamento alla società mista: il ruolo del socio privato, la natura della società mista a controllo pubblico ed attività extra moenia
• L’affidamento in house
l’iter procedimentale
la motivazione ancora «aggravata»!!
distinzione ontologica fra motivazione in house, fra spl e servizi strumentali
il ruolo del nuovo codice dei contratti
• L’affidamento dei servizi pubblici locali e/o gestione delle reti
le gestioni dirette e/o in economia
le gestioni a mezzo azienda speciale e/o consortili
la costruzione e gestione delle reti ed il «ritorno» della cosiddetta «società delle reti» 
• Aspetti della regolazione economica del servizio
la durata
l’equilibrio economico-finanziario
gli obblighi di pubblico servizio
diritti esclusivi
principi generali della «tariffa» all’utenza
• Focus su disciplina di settore confermate
servizio idrico integrato e gestione rifiuti urbani
gestione farmacie comunali
servizi energia elettrica e gas
• La Riforma nelle realtà locali delle Regione a Statuto speciale
I prevedibili impatti normativi, interpretativi ed operativi
Considerazioni di sistema sull’evoluzione della concettualistica e della concreta attuazione di “servizio pubblico”, di “bene pubblico”, di “cosa pubblica”, alla luce del nuovo scenario di riferimento
Una riflessione (forse) provocatoria: dal gestore pubblico o privato di servizio pubblico a gestore privato o pubblico di servizio privato con finalità pubblica ?
I tabù da sfatare: la dicotomia “lucro” ed “utile d’impresa” nella gestione dei servizi pubblici, il “lucro pubblico e sociale”, e le Società Benefit
Somministrazione test di verifica


Prezzi
€ 65,00 + Iva - a partecipante
GRATUITO per i clienti dei servizi di Consulenza, Formazione continua e gli aderenti al Progetto “Next Generation EU – EuroPA Comune” di Centro Studi Enti Locali
* per gli Enti Locali esente Iva ex art. 10, Dpr. n. 633/72, così come modificato dall’art. 4 della Legge n. 537/93), in tal caso sono a carico dell’Ente € 2,00 quale recupero spese di bollo su importi esenti


L’evento è in corso di accreditamento presso il Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili (tramite Odcec di Firenze) ed è in corso di validazione presso la Direzione centrale Finanza locale del Ministero dell’Interno ai fini dei Cf ex Dm. n. 23/2012.
3 crediti formativi validi per l’anno 2023 sia ai fini dell’inserimento, sia ai fini del mantenimento dell’iscrizione per coloro che sono già iscritti, nel Registro dei Revisori degli Enti Locali.
Al termine di ogni corso verrà sottoposto ai partecipanti il TEST DI VERIFICA (con 5 domande a risposta multipla, secondo le modalità stabilite dal Ministero dell’Interno). Il superamento del test sarà considerato tale con la risposta positiva al 75% dei quesiti.
Il corso è valido per il riconoscimento dei crediti formativi C7bis fino al 30.11.2023


Partecipanti: