Umbria – Contributi per interventi di Riqualificazione Urbana 2024 e 2025

 In Bandi

Nome dell’Avviso e Programma di provenienza:

AVVISO: Umbria – Contributi per interventi di Riqualificazione Urbana 2024 e 2025

Programma:  Regione Umbria

 

Tipologia di Richiedenti/ Beneficiari:

Possono presentare domanda gli Enti Locali della Regione Umbria in forma singola o associata.

Data di apertura/ scadenza della presentazione della domanda:

Data di apertura: 5 aprile 2024

Data di chiusura: 25 aprile 2024

Valore Progettuale Minimo e massimo:

n/a

Percentuale di cofinanziamento:

90%

 

Limiti inferiore e superiore di Cofinanziamento:

Contributo erogabile:

  • Riqualificazione Urbana: min. 150.000 Euro – max. 400.000 Euro
  • Centri di Vita Associativa (CVA) o attività/strutture similari: min. 75.000 Euro – max. 150.000 Euro

 

Descrizione Sintetica:

Sono oggetto di finanziamento gli investimenti per la Riqualificazione Urbana finalizzati a:

  • miglioramento della qualità della vita negli ambiti urbani e nei centri storici ed alla promozione dello sviluppo economico-sociale e della competitività del territorio;
  • connettività mobilità sostenibile;
  • infrastrutture sociali e azioni volte alla riqualificazione di uno spazio urbano mediante interventi di recupero a livello di infrastrutture e servizi, ivi compresa la riqualificazione dei Centri di Vita Associativa (CVA), o attività/strutture similari, limitando il consumo di territorio a tutela della sostenibilità ambientale consentendo alla comunità di riappropriarsi e di rivivere nuovamente gli spazi rigenerati, con evidenti miglioramenti nella qualità della vita e nella sfera sociale, economica e ambientale.

Ciascun Comune può presentare uno o più progetti per ognuna delle due categorie d’ intervento:

2.a) Riqualificazione Urbana negli ambiti urbani e nei centri storici (Zona A):

  • Completamento e messa a sistema di infrastrutture già esistenti;
  • Riqualificazione urbana, recupero, miglioramento e decoro anche finalizzati dello sviluppo economico ed edilizio di porzioni urbane;
  • Connettività mobilità sostenibile;
  • Riqualificazione di spazi urbani mediante interventi di recupero a livello di infrastrutture e servizi;
  • Manutenzione e/o ristrutturazione per adeguamento normativo di immobili pubblici;
  • Incremento dell’efficienza energetica dell’edificio;

2.b) Centri di Vita Associativa (CVA) o attività/strutture similari – sono ritenuti ammissibili i seguenti edifici/manufatti:

  • Edifici esistenti che ospitino palestre di proprietà pubblica destinate alla fruizione a tutta la cittadinanza e gestite in modo diretto dal Comune o, mediante convenzione, da associazioni ed enti che hanno tra le proprie finalità statutarie quelle di carattere sociale;
  • Edifici esistenti con limitrofo impianto sportivo di proprietà pubblica destinato alla fruizione a tutta la cittadinanza e gestito in modo diretto dal Comune o, mediante convenzione, da associazioni ed enti che hanno tra le proprie finalità statutarie quelle di carattere sociale;
  • Edifici esistenti destinati in modo stabile a ospitare discipline che consentono di migliorare la postura, la mobilità articolare e la flessibilità per persone diversamente abili o over 65, gestito in modo diretto dal Comune o, mediante convenzione, da associazioni ed enti che hanno tra le proprie finalità statutarie quelle di carattere sociale;

Per Centri di Vita Associativa (CVA) o attività/strutture similari sono ammissibili le seguenti lavorazioni:

  • Incremento dell’efficienza energetica dell’edificio esistente;
  • Manutenzione e/o ristrutturazione per adeguamento normativo;
  • Nuovi impianti tecnologici e servizi di edifici già in esercizio;
  • Lavori su spazi pertinenziali.

Spese ed interventi ammissibili:

  • Tutti gli interventi devono essere conformi alle previsioni dello strumento urbanistico;
  • Non sono ammissibili, e quindi non verranno valutate, le istanze di finanziamento per interventi i cui lavori risultino già iniziati o per i quali il soggetto richiedente abbia già sottoscritto, per la realizzazione dell’opera, obbligazioni contrattuali alla data di pubblicazione sul BUR del presente Avviso;
  • Qualora l’intervento sia oggetto di altri finanziamenti pubblici, il contributo di cui al presente Avviso dovrà riguardare esclusivamente lavori non già finanziati;
  • Sono ammissibili a contributo esclusivamente le spese effettivamente sostenute dai soggetti beneficiari per la realizzazione degli interventi di cui al presente Avviso;
  • L’eleggibilità delle spese decorre dalla data di comunicazione di definitiva ammissione a finanziamento;
  • Le spese ammissibili del Quadro Economico sono quelle previste dal D.Lgs 36/2023, dall’art. 23 della L.R. 3/12010 e dalla DGR 569/2011;
  • Le spese tecniche sono ammissibili fino al limite massimo del 13% del finanziamento assegnato comprensive di IVA, contributi ed incentivi;
  • L’imposta sul valore aggiunto (IVA), realmente e definitivamente sostenuta dal Beneficiario è una spesa ammissibile solo se non recuperabile.

 

Area di Cooperazione:

Regione Umbria

Partenariato:

SI

 

Tipo di Finanziamento:

Contributo a fondo perduto

Risorse complessive:

4.577.000 Euro

Link Bando:

Avviso: https://bur.regione.umbria.it/

Programma:  https://bur.regione.umbria.it/

Post recenti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca